Categoria: RECENSIONI LOCALI

CAFFETTERIA “AL BICERIN” – TORINO<span class= No ratings yet. " />

CAFFETTERIA “AL BICERIN” – TORINO No ratings yet.

E’ proprio vero che non si finisce mai di scoprire fino in fondo la città in cui vivi…. Nonostante io abbia sempre vissuto qui a Torino, ahimè, enorme pecca mia… non avevo mai avuto l’occasione di scoprire luoghi storici della città, come questa Caffetteria.

La Caffetteria “Al Bicerin” è luogo di incontro di turisti, stranieri, personalità importanti della città e non solo. E’ un’esperienza sensoriale ed unica nel suo genere che almeno una volta nella vita vi consiglio di provare… ve ne innamorerete, ne sono sicura! 🙂

Il locale:

Il locale è stato aperto nel 1763, all’inizio come una semplice osteria arredata con modestia. Verso la metà dell’800 viene ristrutturato il locale e diventa quello che ancora oggi conosciamo come Caffetteria “Al Bicerin”.

Deve il suo nome proprio al fatto che in questo locale venne inventato e con gli anni tramandato il famoso caffè Bicerin, una bevanda calda e dolce, che all’epoca era da gustare tassativamente prima di mezzogiorno.

Il locale ha due piccoli vani; uno spazio per i clienti con sedie d’epoca e solo 8 tavolini e un minuscolo retro adibito a cucina.

DSCF0038vetrina interno

La prima impressione che si ha quando si entra nel locale è di essere catapultata d’improvviso nell’Ottocento; alle pareti, infatti, la boiseries in legno chiaro la fa da padrona, intervallata con vetrinette e specchi d’epoca, tavolini in marmo e ferro battuto con alte candele e pavimenti in legno a spina di pesce… Il tutto accompagnato da un’atmosfera silenziosa, magica, quasi regale.

Non è poi così difficile chiudere gli occhi ed immaginarsi in quell’epoca… Anzi, vi dirò di più… in alcuni frangenti, mi sentivo persino a disagio vestita con i miei vestiti “contemporanei”… 🙂

Insomma, se volete sognare… qui lo potete fare!

Potete chiudere gli occhi ed immaginarvi seduti a fianco di personalità importanti, che un tempo visitavano la Caffetteria, come Camillo Benso conte di Cavour, Friedrich Nietzche, Giacomo Puccini, La Regina Maria Josè e il re Umberto II, ed ancora, Umberto Eco, Italo Calvino, l’Avv. Gianni Agnelli con il fratello Umberto, ecc..

Il Bicerin:

Ma veniamo al motivo principe del perchè questo locale è così famoso… La sua bevanda, il Bicerin.

Questa storica bevanda è nata proprio in questo locale e da allora ne conserva gelosamente la ricetta originale, tramandandola di generazione in generazione.

Il Bicerin è l’evoluzione della bavareisa, una bevanda del 700 a base di sciroppo, latte, caffè, cioccolata e panna.

Con il tempo, si pensò di riunire tutti gli ingredienti in un unico grande bicchiere con 3 varianti:

  • pur e fiur: una sorta del più moderno cappuccino;
  • pur e barba: una bevanda a base di caffè e cioccolata;
  • ‘n poc ‘d tut: tutti gli ingredienti insieme.

Ovviamente, come si può ben capire, quest’ultima versione spadroneggiò sulle altre, prendendo il nome dai bicchieri piccoli senza manico in cui era servita, appunto i Bicerin.

Mi fa simpatia pensare che con soli 3 soldi (circa 15 cent. di lira) potevi assaporare tanta bontà… Ovviamente adesso il prezzo è totalmente cambiato… Il bicerin ha un costo di circa 6 euro, insomma… non proprio 3 soldi.. Ma ne vale la pena.

E lo si capisce dalla fila infinita di turisti, stranieri e torinesi che ogni giorno aspetta il suo turno davanti alla porta del locale.

Ma come è fatto?

Ovviamente la ricetta originale è impossibile averla e rimane TOP SECRET, ma comunque, è una bevanda con le migliori materie prime selezionate.

E’ formato da 3 strati: uno strato di caffè, uno di cioccolata ed infine uno di panna liquida.

La cioccolata è fatta con cacao selezionale con un basso punto di acidità che cuoce per ore in pentole di rame, mentre il caffè è una miscela dedicata e selezionata, leggera ed aromatica.

Dev’essere bevuto senza mescolare fra loro gli ingredienti, in modo da assaporarne appieno ogni singolo strato.

Ed è qui che comincia la vostra esperienza unica e il vostro viaggio sensoriale… chiudete gli occhi e bevete!

Vi arriverà uno ad uno tutti gli strati… la panna liquida fredda vi regalerà un piacevole contrasto con la cremosità della cioccolata calda e l’amaro del caffè bollente.

E’ senza glutine?

Come comunicato all’interno della caffetteria, il bicerin viene preparato con ingredienti senza glutine, ma ad ogni modo non possono garantire la non contaminazione, non avendo una cucina separata.

Ad ogni modo, facendo presente l’intolleranza al momento dell’ordine, faranno ulteriore attenzione.

Dove si trova?

La Caffetteria “Al Bicerin” si trova nel cuore del centro di Torino, nel centro storico del Quadrilatero Romano, a due passi da Piazza Castello, e le vie dello shopping come Via Garibaldi e Via Roma.

Caffetteria “Al Bicerin”

Piazza della Consolata 5 – Torino

Tel. 011/4369325

HOME

bicerin@bicerin.it

Aperto tutti giorni, tranne il MERCOLEDI’, dalle 08.30 alle 19.30.

 

Please rate this

 
Ristorante “BANCO DI SICILIA” – Torino<span class= No ratings yet. " />

Ristorante “BANCO DI SICILIA” – Torino No ratings yet.

Certi amori nascono così, inaspettati, improvvisi ed incredibilmente intensi! Più o meno quello che è successo a noi con questo ristorante.

Una sera, Kristian arriva a casa dopo il concerto di Ligabue e mi dice che si è fermato a mangiare un boccone in un ristorantino vicino allo Stadio… lo vedo estasiato e completamente innamorato!

Io, a differenza sua, sono un pochino più diffidente… devo constatare con mano e così decidiamo di andare in avanscoperta qualche giorno dopo.

Appena entrati, capisco che forse forse Kristian tutti i torti non li aveva… Come per magia vengo catapultata a 1.000 Km di distanza, direttamente in Sicilia.

Mi giro, guardo fuori e vedo la nebbia e il cielo grigio di Torino, mi rigiro, guardo il locale e respiro aria colorata e pittoresca, che profuma di Sicilia.

Pur non essendo un locale del circuito AIC, hanno una vasta gamma di prodotti senza glutine, dalla pasta alla pizza… Il proprietario è infatti intollerante al glutine…

Questo è sicuramente un punto a loro favore… insomma, chi meglio di lui può capirmi, penso! 🙂

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

INGREDIENTI: voto 8.5

La scelta degli ingredienti la troviamo fin da subito molto scrupolosa; gli ingredienti sono tutti molto freschi e saporiti…

I siciliani ci tengono particolarmente a far risaltare la loro già ottima cucina, e devo dire che in questo caso ci riescono alla grande.

Sono tutti piatti preparati al momento (tranne la pizza celiaca, che invece, è preparata da un laboratorio artigianale in zona), e persino i cannoli siciliani vengono riempiti al momento, come tradizione vuole.

TECNICA: voto 8

La presentazione dei piatti è molto curata… Per il momento, mi sono dedicata alla pizza, ma ho visto passare sotto il naso tantissimi piatti di pesce e primi piatti che toglievano davvero il fiato.

Dovrebbero, però, far più attenzione alla cottura della pizza senza glutine. Purtroppo, una delle due volte in cui sono andata in questo ristorante, la pizza al centro era completamente fredda, la mozzarella quindi non era sciolta e c’era davvero troppo pomodoro.

Fate presente di farvi la pizza BEN COTTA, per non incappare in questo problema fastidioso!

GENIO: voto 9.5

Il genio sicuramente non manca… Un angolo di VERA Sicilia direttamente a due passi dalla Mole Antonelliana… Fantastico! Non dovrete più sognare i bei tempi che furono quando eravate in vacanza della Bedda Sicilia… Ora il sogno di mangiare un cannolo, un arancino, le panelle… ecc.. è a portata di mano!

EQUILIBRIO/ARMONIA: voto 8.5

Tutti i piatti sono molto ben equilibrati a livello di sapori, dalla semplice pizza a piatti più elaborati e ricercati, con presente sempre un proprio tocco personale.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

ATMOSFERA: voto 6.5

Sì, è vero… Entri in questo locale e vieni subito catapultato in Sicilia, con tutto ciò che ne comporta. Dimenticatevi la classica cenettina romantica a lume di candela, dimenticatevi i locali in cui si parla a bassa voce…

Qui non c’è niente di tutto questo!

Qui c’è allegria, movimento, fermento… ed essendo un locale sempre al completo.. c’è tanto tanto caos! Con tutto ciò che ne comporta.. nel bene e nel male!

Risultati immagini per banco di sicilia torino

Immagine correlata

PROGETTO: voto 9

Un progetto così all’apparenza semplice ma così unico!

La Sicilia a Torino! I Love it!

VALORE: voto 7.5

Qualità prezzo nella media. Sicuramente ciò che li distingue positivamente è che non mancano occasione per offrire a fine pasto il classico zibibbo, o un piatto di caponata durante la cena.

A volte basta davvero poco per far sì che il cliente possa fidelizzarsi, tornare e consigliare.

 

VOTO FINALE: 8. Da provare! 

Ristorante Il BANCO DI SICILIA
Via Arnaldo da Brescia 23
10134 TORINO
Tel: 011/3192400
Cel: 339/7735376
Cel: 338/6009855

http://www.ilbancodisicilia.it

 

Se anche Voi volete far conoscere il Vostro locale, per una recensione sincera ed obiettiva scrivetemi a: info@fantasiaceliaca.it

 

Please rate this

 
Due chiacchiere con…: M**BUN<span class= No ratings yet. " />

Due chiacchiere con…: M**BUN No ratings yet.

Qualche tempo fa vi avevo parlato della prima agrihamburgheria di Torino e d’Italia, raccontandovi la mia esperienza e la loro filosofia, raccontata attraverso la loro passione ed i loro piatti.

Abbiamo avuto anche l’occasione di scambiare due chiacchiere, in modo da entrare al meglio nella loro filosofia e nel loro modo di lavorare.

Ringrazio tutto lo staff per la collaborazione, la simpatia e soprattutto per l’amore, la passione e la dedizione nel loro lavoro che sono riusciti a trasmettere.

IMG_6100[1]

  1. La vostra è la prima agrihamburgheria, ma quando e come è nata l’idea di aprire un’agrihamburgheria?

M** Bun nasce nel 2009 a Rivoli (TO) dall’esperienza dell’Azienda Agricola Scaglia che da tre generazioni produce carne, con una particolare attenzione al bovino di Razza Piemontese tutelato dal consorzio Coalvi, e Francesco Bianco, imprenditore torinese. Graziano Scaglia, la moglie Paola, i fratelli Mauro e Paolo Scaglia insieme a Francesco Bianco vogliono dare un’alternativa al fast food contemporaneo.

  1. In cosa consiste nello specifico? Insomma, qual è l’elemento o gli elementi cardine che vi differenziano dagli altri?

L’idea cardine è servire prodotti freschi, senza coloranti e conservanti e del territorio, unendo la tradizione piemontese alla necessità moderna di mangiare velocemente.

IMG_6088[1]

  1. Da dove arrivano i vostri prodotti? Utilizzate prodotti del territorio italiano in genere o preferite promuovere il KM0?

La maggioranza dei nostri prodotti è a Km0, la carne è dell’Azienda Agricola Scaglia di Rivoli To. Gli altri fornitori sono Aziende Agricole del territorio e in ogni caso rigorasamente italiane, selezionate direttamente da noi nel rispetto della nostra filosofia Slow Fast Food con i giusti tempi di crescita e maturazione naturale, utilizzando prodotti freschi, senza conservanti e coloranti.

  1. Ho visto che avete anche prodotti senza glutine: è possibile avere tutte le portate presenti nel menù, senza glutine?

Gran parte del nostro menù può essere preparato senza glutine, abbiamo il pane senza glutine per preparare gli hamburger nel panino ma anche molti altri nostri piatti possono essere senza glutine purché sia specificato in cassa. Prepariamo tutto al momento facendo attenzione alla contaminazione, siamo inseriti nella guida dell’ AIC.

IMG_6070[1]

  1. Avete un servizio di consegna a domicilio?

La gestione delle consegne la effettuiamo appoggiandoci a realtà leader nel settore del delivery. Se un cliente vuole portarsi a casa la cena può farlo direttamente nei nostri punti vendita utilizzando la cassa prioritaria per il “ciapa lì e porta a cà” (asporto).

  1. Quali sono state le maggiori difficoltà che avete riscontrato e come le avete superate?

La difficoltà maggiore sta nel far comprendere al pubblico che dietro ogni piatto c’è una ricerca elevata di qualità. È anche molto difficile gestire i prodotti freschi senza sprecare.

  1. Avete dei consigli ai giovani che vogliono intraprendere la strada della ristorazione?

Dare la priorità alla qualità sempre anche se costa molto di più. Il nostro pubblico premia.

  1. Quali sono le vostre migliori iniziative che ci tenete a promuovere?

A dire il vero non abbiamo una migliore iniziativa, dal nostro punto di vista esistono le iniziative in cui crediamo e portiamo avanti con la nostra filosofia, a giudicare le migliori sono i nostri clienti con cui c’è un rapporto diretto di confronto e di sviluppo delle stesse.  Per esempio nell’ultimo anno abbiamo aggiunto nuovi piatti al menù per ampliare l’offerta al pubblico. Uno degli ultimi inserimenti sono gli agnolotti preparati con una ricetta tradizionale e originale di nonna Jolanda, la nonna della famiglia Scaglia. Non li abbiamo nella versione senza glutine però. Sono state inoltre inserite insalate, verdure grigliate e hamburger vegani e vegetariani. A breve usciremo con altre novità.

IMG_6078[1]

  1. Quali sono, secondo voi, le 3 caratteristiche principali che raccontano al meglio MACBUN?

Qualità delle materie prime, qualità del personale selezionato e attenzione all’ambiente e al territorio.

  1. Per concludere, quali sono i piatti che considerate il vostro “cavallo di battaglia” e perché dovrebbero scegliervi?

Difficile a dirsi…consideriamo tutti i nostri prodotti ad altissimo livello e diversificati in base ai diversi gusti dei nostri clienti. Ovviamente proprio per questo non a tutti può piacere tutto. Come diciamo in Piemonte: non tutti i gusti sono alla menta!

Perché dovrebbero sceglierci? Perché siamo veri, buoni sani e giusti.

Vi ricordo che il M**Bun è un’eccellenza Piemontese, quindi se capitate qui a Torino, vi lascio gli indirizzi dei tre locali dislocati sul territorio.

Fidatevi, fateci un salto… e poi ditemi cosa ne pensate! Sono sicura che ne verrete catturati! 🙂

RIVOLI (TO)
Corso Susa 22/E
presso la Galleria Vart
Tel. 011 9534062
rivoli@mbun.it

TORINO
Corso Siccardi 8/A, angolo via Cernaia
Tel. 011 5617097
siccardi@mbun.it

TORINO
Via Rattazzi 4, dietro via Lagrange
Tel. 011 19704606
rattazzi@mbun.it

Please rate this

 
LA PRIMA AGRIHAMBURGHERIA: M**BUN<span class= No ratings yet. " />

LA PRIMA AGRIHAMBURGHERIA: M**BUN No ratings yet.

Il Piemonte è una terra ricca di risorse e di innovazione, ed è proprio nel mio territorio che nasce la prima e unica agrihamburgheria.

Chi è di Torino conoscerà molto bene il MacBun, ormai diventato una meta fissa delle serate torinesi.

Per tutti gli altri, sono sicura che alla fine di questo articolo, se capiterete a Torino, non potrete fare a meno di venire qui.

 

Ma che cos’è un’agrihamburgheria?

Il termine, lo so, è quasi uno scioglilingua, ma non è nient’altro che un’hamburgheria caratterizzata da prodotti freschi, del territorio, a Km0.

Quindi, in poche parole… è vero che mi concedo un hamburgher… ma sano! Proprio come se me lo preparassi a casa mia.

 

Io e Kristian veniamo accolti, in una delle tre sedi presenti a Torino, da Stefano: un ragazzo che in quest’avventura è stato il nostro “cicerone” del panino!

La cosa che subito mi ha colpita è stata la sua passione e il suo entusiasmo per questo progetto; un’ambiente giovane, dinamico, con tanta voglia di fare.

 

E la voglia di fare lo si vede anche solo dalla preparazione degli ingredienti: con la cucina aperta e a vista, si può notare, infatti, come ogni addetto ha un compito ben preciso: lavare, tagliare e preparare ogni singolo ingrediente.

C’è chi lava, taglia e cuoce le patate, chi pulisce l’insalata, chi si occupa della preparazione dei piatti della cucina e chi cuoce la carne.

IMG_6071[1]

 

Ah, la carne… e si, senza ombra di dubbio, la carne è l’ingrediente principale e principe del M**Bun. Rigorosamente dalle filiere Coalvi, e direttamente dall’Azienda Agricola Scaglia.

Si è così in grado di preparare un sacco di piatti gustosi, da diverse tipologie di hamburgher panino presenti in menù (ottima scelta, tra l’altro anche per chi è vegetariano o vegano!), ai piatti classici della tradizione piemontese, come il piatto di carne cruda, le polpette di fassone e suino o il più semplice piatto di hamburgher da 170 g con insalata e pomodoro.

Da poco tempo, poi, Stefano ci spiegava come hanno ampliato il menu della cucina, con gli intramontabili e ben conosciuti agnolotti.

Qui la ricetta è ancora quella vecchia che le nonne piemontesi conoscono bene e si possono assaporare al meglio in tre diverse varietà anche se i classici e più conosciuti sono quelli al sugo d’arrosto.

Purtroppo non sono ancora presenti nella versione “gluten free” ma mi hanno assicurato che faranno del loro meglio.

Una sezione a parte, sicuramente lo meritano le bevande. Mi ha colpito la loro filosofia e il loro modo di lavorare, premiando il promuovere i propri prodotti e i prodotti piemontesi.

Ecco che allora, per le birre possono trovare due varietà: la macbiunda e la macrusa.

IMG_6074[1]

Sono entrambe birre artigianali, studiate e perfezionate direttamente da loro. La prima è una birra bionda, molto particolare, alle mele, che gli conferisce un aromatico gusto di frutta e un profumo davvero caratteristico, da provare assolutamente!

La seconda, invece, è una birra rossa, alle castagne, molto corposa e ben strutturata.

Anche per le bevande gassate analcoliche si punta tutto sul Piemonte, con la Molecola, al posto della più conosciuta Coca-Cola, presente anche senza zucchero e senza caffeina.

IMG_6081[1]

E poi, beh, si punta tutto sui vini, i Re del Piemonte e delle Langhe.

Devo essere sincera. Sono presenti birre senza glutine, in bottiglia, ma ho voluto optare per un bel bicchiere di vino, e devo dire che un Barbaresco così, con un sapore così fruttato e corposo, non mi ha fatto rimpiangere assolutamente la birra… 🙂

Ma veniamo ai voti:

INGREDIENTI: voto 9.5

Strano trovare un locale con una cura nella preparazione degli ingredienti… e quando lo si trova, è giusto premiarlo!

Ogni singolo e piccolo ingrediente viene curato come se la preparazione la facessimo noi a casa.. e devo dire che quando ti arriva il piatto in tavola, la differenza si nota eccome!

TECNICA: Voto 9

La frittura delle patatine era perfetta; le patate non erano unte e la cottura era perfetta.

La cottura della carne, con la predilezione di cuocerla in forno anzichè alla brace, era ottima!

GENIO: Voto 10

E sì, per il genio si merita il massimo dei voti.

Punto primo: è la prima agrihamburgeria in Italia.

Punto secondo: l’inserimento di parole e termini in piemontese nel menù è a dir poco geniale!

EQUILIBRIO/ARMONIA: Voto 8

Tutto ottimo e molto curato. Le salse come maionese, rubra, senape, ecc. sono prodotte da loro.

Il pane è un pane senza strutto capace di non coprire il gusto della carne ma semplicemente di accompagnarla.

ATMOSFERA: Voto 8.5

Noi siamo stati nel locale di Via Rattazzi 4 a Torino, in pieno centro e in un’area semipedonale fantastica.

L’atmosfera sembrava molto quella che incontri in vacanza al mare, il giusto mix tra serenità, pace e convivialità tra la gente.

PROGETTO: Voto 9.5

Promuoviamo il progetto fantasioso ed originale. Mi piace aver scoperto che pur essendo una realtà grande (70 dipendenti), ogni giorno i titolari si interessano personalmente delle diversi sedi, degli ingredienti, cercando ogni giorno di migliorare.

VALORE: Voto 8

Un giusto rapporto qualità – prezzo.

VOTO FINALE: 9. Da provare!

Le sedi del M**Bun sono:

Rivoli (TO) – Corso Susa 22/E – Tel. 011/9534062 – rivoli@mbun.it

Torino – Corso Siccardi 8/A – Tel. 011/5617097 – siccardi@mbun.it

Torino – Via Rattazzi 4 – Tel. 011/19704606 – rattazzi@mbun.it

Sito internet: www.mbun.it

 

 

Please rate this

 
PIZZERIA "IL PADELLINO" – TORINO<span class= No ratings yet. " />

PIZZERIA "IL PADELLINO" – TORINO No ratings yet.

Se la pizza è di Napoli, la pizza al padellino è di Torino!

E sì, perché la classica pizza al padellino (o tegamino), quindi cotta all’interno di piccoli tegami, nasce proprio dall’ingegno di un pizzaiolo torinese.

E finalmente a Torino, possiamo vantare anche la pizza al padellino senza glutine…

Ormai lo sapete, amo scoprire nuovi posti senza glutine da poter recensire, e non lo nego, un pochino titubante, sono andata a provare questa famosa pizza.

Sì, un pochino titubante lo ero, perché fare la pizza al padellino senza glutine, non è così semplice.. c’è il rischio che possa rimanere troppo umida, quasi bagnata.

Ma un passo alla volta, vi spieghierò tutto quello che c’è da sapere su questa pizzeria:

IL LOCALE:

Risultati immagini per IL PADELLINO TORINO

Il locale è in una posizione strategica, essendo sotto i portici di Corso Vinzaglio, praticamente all’inizio del centro di Torino.

Lo stile del locale è davvero molto originale; troviamo lattine di tonno appese in vetrina, che lo rendono sicuramente un locale diverso dal solito, un locale che attira di certo l’attenzione.

Immagine correlata

All’interno l’arredamento e i tavoli sono molto semplici, ma comunque arredato con gusto.

Il forno a legna è a vista dei clienti, quasi in centro stanza e un simpatico trenino in miniatura fa il giro del forno a legna: un modo simpatico per intrattenere grandi e piccini.

Il locale è aperto sia a pranzo che a cena, offrendo oltre alla pizza al padellino, anche altri piatti della cucina italiana.

Un grandissimo punto a favore è di essere aperti anche il lunedì sera, quando gran parte delle pizzerie, invece, rimangono chiuse.

QUALITA’ DEL CIBO:

La qualità del cibo è davvero molto alta. Si sente fin da subito che utilizzano prodotti freschi e di alta qualità.

Dispone in un menu ampio di pizze, ma come vi dicevo prima, se preferite, ha in menù un’ampia scelta tra insalate, piatti di carne e stuzzicherie.

Da provare, la farinata: è cotta in forno a legna, quindi, non adatta i celiaci per il rischio di contaminazione ma chi l’ha assaggiata ha confermato che è tra le più buone di Torino.

La pizza senza glutine che mi è stata proposta è questa:

IMG_5550

Ho optato per la classica margherita, perché se la pizza è buona… è buona margherita! 🙂

La pizza rimane morbida, ma non troppo umida, quindi appena è arrivata mi sono subito rasserenata e ho fugato ogni mio dubbio! 🙂

Come vedete, è molto carica di mozzarella; se vi piace un pochino più croccante, vi consiglio di farvi mettere meno mozzarella e farvela cuocere un po’ di più.

Ad ogni modo, la pizza senza glutine è davvero molto buona, ha un piacevole sapore di pane e ha la base “croccariella”, ben unta.

Per chi volesse, hanno anche il tiramisu senza glutine… ho dovuto chiedere conferma al cameriere che fosse senza glutine davvero, perché era troppo buono… ehehehe…

PREZZI:

E qui viene la parte interessante!

E sì, perché finora tutte le pizzerie che ho provato senza glutine, mi facevano pagare la maggiorazione per l’impasto gluten free, chi € 1, chi € 2…

Questa pizzeria, invece, oltre ad avere dei prezzi davvero concorrenziali (€ 4 una margherita), non fa pagare il sovrapprezzo per il senza glutine.

Insomma, in due, con due pizze, di cui una senza glutine, una birra, un acqua, abbiamo speso € 20,00.

Meglio di così!

CONCLUSIONI:

Consiglio a tutti di provare questa pizzeria! E’ buona sia la pizza senza glutine che quella normale a prezzi davvero ottimi…

Unica pecca: consiglierei al locale di integrare anche le birre senza glutine, che non ho visto nel menù…

VOTI FINALI:

Ingredienti: 9.5/10

Tecnica: 8/10

Atmosfera: 8.5/10

Personale: 9/10

Costo: 10/10

Totale: 9

CONSIGLIATO!

Immagine correlata

PIZZERIA IL PADELLINO

Corso Vinzaglio 21 – Torino

Tel: 011533730

http://www.ilpadellinotorino.it/

SE AVETE UN LOCALE DA PROPORRE PER LA RECENSIONE, SCRIVETEMI USANDO IL FORM SOTTOSTANTE:

[contact-form-7 404 "Not Found"]

 

 

Please rate this

 
RISTORANTE PIZZERIA DUCA 102 – TORINO<span class= No ratings yet. " />

RISTORANTE PIZZERIA DUCA 102 – TORINO No ratings yet.

Oggi Vi propongo questo locale, nel cuore del quartiere Crocetta di Torino, dove ho avuto modo di cenare diverse volte.

Scopriamolo insieme:

IL LOCALE:

Risultati immagini per duca 102

Come vi ho già accennato prima, il locale si trova nel quartiere Crocetta, direttamente su Corso Duca, da cui prende il nome.

E’ una zona strategica, in quanto di grande passaggio, sia per il centro di Torino, ma anche perchè a due passi dallo stadio Olimpico, luogo non solo di grandi partite di calcio, ma soprattutto luogo di concerti.

Risultati immagini per duca 102

Il locale di per sé è molto grande, con un’ampio dehor estivo, capace, quindi di ospitare parecchi coperti.

E’ aperto sia a pranzo che a cena, 7 giorni su 7.

Lo stile del locale ricorda molto quello delle classica trattorie dei paesini, con sedie in legno e paglia e le tovaglie a quadrettoni, non dimenticando però di dare un tocco di modernità e originalità con colonne e quadri in stile moderno.

Nella sala sono presenti diversi schermi, dove spesso e volentieri fanno vedere le partite; nonostante ciò, il locale rimane molto raffinato e signorile, evitando quindi di diventare stile “bar sport”.

La principale particolarità del locale è sicuramente la cucina a vista; grandi vetrate, infatti, separano la sala dalla cucina, in modo da poter dare un’occhiata alla preparazione del piatto.

Al di là della cucina, oltre alla preparazione classica dei piatti, con o senza glutine, c’è il reparto della preparazione e cottura delle pizze senza glutine.

QUALITA’ DEL CIBO:

Senza dubbio la qualità del cibo è buona, con prodotti freschi.

Dispone di un ampio menu, anche senza glutine, sia per quanto riguarda la cucina che per la pizzeria.

La maggior parte delle volte in cui sono stata in questo locale, mi sono dedicata alla pizza senza glutine, davvero molto buona.

Ho avuto modo di provare anche la focaccia al lardo (che vi consiglio alla stragrande!).

La cucina l’ho provata solo una volta con un primo piatto, molto buono, ma dalle porzioni un pò risicate, dato il costo.

Questa è la pizza senza glutine che mi è stata proposta:

Risultati immagini per duca 102

PREZZI:

Qui arriva il tasto dolente. E sì, perché spesso quando si ha voglia di uscire e di spendere poco, si opta per una bella e buona pizza.

Al Duca 102 spendere poco non è molto possibile, perché si parte da una base già abbastanza alta.

Per la pizza senza glutine, inoltre, teniamo conto che c’è un sovrapprezzo di € 2,00.

La cosa positiva, però, è che possiamo scegliere qualsiasi pizza presente in menu.

Per la cucina, poi, come è forse anche giusto che sia, essendoci più lavoro, i prezzi lievitano davvero tanto, tenendo conto che le porzioni sono davvero molto piccole.

Insomma, se optate per la cucina, mangerete sicuramente bene, ma non vi basterà un unico piatto, se non volete uscire con la fame.

CONCLUSIONI:

Lasciando da parte la non-simpatia e la non-cordialità del gestore, che spesso e volentieri a causa del suo comportamento irriverente ti fa venire l’orticaria, il resto del personale è gentile e il cibo è davvero molto buono.

Per quanto riguarda la parte della pizzeria, la pizza senza glutine è davvero da provare, molto gustosa e con un buon sapore di pane.

La pizza glutinosa, invece, ogni volta è un terno al lotto: può essere la pizza più buona di Torino, o la peggiore. Penso che dipenda molto dal pizzaiolo.

VOTI FINALI:

Ingredienti: 8/10

Tecnica: 7.5/10

Atmosfera: 8/10

Personale: 7.5/10

Costo: 6/10

Totale: 7.4 

CONSIGLIATO!
Risultati immagini per pollice in su

 

 

 

Fatemi sapere se anche voi ci siete stati e quale è stata la vostra esperienza…

Ristorante Pizzeria Duca 102

Corso Duca degli Abruzzi 102 – Torino

Tel. 011 5817273

sito internet: www.ducacentodue.net

 

 

 

 

Please rate this

 
RISTORANTE PIZZERIA SALSADRENA – Sanremo<span class= No ratings yet. " />

RISTORANTE PIZZERIA SALSADRENA – Sanremo No ratings yet.

Da ormai parecchi anni, appena ho un po’ di tempo libero, mi piace “scappare” dalla città e rifugiarmi a Sanremo per godermi qualche giorno di sole. ?

Sanremo rispetto ad altri cittadine non è molto fornita a livello di ristoranti senza glutine… Ce ne sono alcuni ufficiosi ma di ufficiale ce n’è solo uno… Il SALSADRENA.

Scopriamolo insieme:

IL LOCALE:


Il locale è in una posizione strategica, sulla passeggiata lungomare, in posizione semi centrale (vi basterà infatti Farvi una passeggiata lungomare per 5 minuti per arrivare direttamente davanti al famoso Teatro Ariston).

Dispone di una sala interna e di una sala esterna dalla vista mozzafiato, utilizzabile non solo d’estate ma anche nei periodi più freddi essendo riscaldabile.

QUALITÀ DEL CIBO: 

Senza dubbio la qualità del cibo è ricercata e con prodotti freschi.

Dispone di un menù non molto ampio ma con prodotti tipici liguri, oltre ad un menù di pesce e alla parte dedicata alla pizza.

Per il momento ho avuto modo di provare solo la pizza.

La pizza senza glutine, in questi anni, ha avuto un’evuluzione che reputo non molto positiva.

Le farine impiegate sono sicuramente un mix tra cui viene impiegata farina integrale.

La pizza che mi è stata proposta ieri è questa:


Come vedete è molto sottile, troppo sottile… Risentendo quello che è la sofficità della pizza.

Il sapore di per sé non è male, ma sembra di mangiare il bordo della pizza anche nel cuore…

PREZZI:

I prezzi sono molto alti per le porzioni che offre.

Ecco lo scontrino di ieri:


Pur trovando cara anche una semplice pizza margherita, trovo invece molto molto onerosi i prezzi del ristorante, rispetto alle porzioni che offrono che sono scarse.

VOTO: 5/6

CONCLUSIONI FINALI: 

Purtroppo a Sanremo, come detto prima, non esistono altre realtà senza glutine e ciò fa sì che tutte le volte che voglio andar a mangiare fuori, debba scegliere questa struttura.

Servizio lento e porzioni scarse, con prezzi troppo alti per quello che offrono, fan sí che il mio voto sia basso.

L’impasto della pizza senza glutine è cambiato troppo nel tempo, passando da una pizza alta e soffice e gustosa a una pizza molto sottile, troppo, insapore e secca.

Se anche voi siete stati in questa struttura fatemi sapere come vi siete trovati. ☺️

SALSADRENA lo trovi a Sanremo – Corso Imperatrice 45

Please rate this